MIGUEL BOSÉ CONTINUA A LASCIARE IMPRONTE A PANAMÁ

Miguel Bosé continua a lasciare impronte a Panamá: il 9 giugno scorso, presso l’Auditorio della nuova sede del Tribunale elettorale di Panamá, a nome della Fondazione Culturale Latin Grammy e dell’Università Interamericana di Porto Rico, ha consegnato formalmente 15 mila dollari sotto forma di strumenti musicali, ai giovani musicisti del Centro Educativo in Arti Diversificate.
Un atto simbolico che fa parte di un progetto che coinvolge diverse parti dell’America latina.
La donazione è stata consegnata da Manolo Díaz, vicepresidente de la Fundación Cultural Latin Grammy al professor Olmos, direttore del Centro Educativo de Artes Diversificadas e a Janelle Davidson, direttrice Generale del INAC.
Questo progetto offre agli studenti di musica l’opportunità di apprendere direttamente da esperti e talentuosi musicisti latini.
In questa occasione infatti, Bosé ha condotto un dibattito con gli studenti di questo centro educativo, attività che lo ha reso molto felice.

Il primo aspetto che Bosé ha sottolineato è stato quello relativo all’importanza di essere una persona umile, semplice e lavoratrice nel mondo della musica, perché attualmente, gli artisti, anche se hanno un solo successo radiofonico, si credono di essere padroni del mondo.
“Il mondo invece, ha bisogno di agenti di cambiamento, gente diversa”, ha aggiunto.

Bosé ha spiegato che la cuspide della sua carriera fu negli anni ’80 e che, come loro, a suo tempo formò parte della Band del suo college, anche se all’epoca non gli veniva nemmeno in mente di diventare cantante, fino a che un signore chiamato Manolo Díaz, tra altri, gli chiese: “Vuoi cantare?”, e accettò.
Ha raccontato di aver inciso il suo primo LP chiamato “Linda” nel 1977 e da allora iniziarono a generarsi possibilità di lavoro più grandi.
L’artista ha suggerito agli studenti in ascolto, di cercare di “stare dentro le cose” della musica, di conoscere i meccanismi dei social, di essere efficaci, conoscere le leggi, sapere di pubbliche relazioni e “se ti alzi di malumore, non uscire per strada, perché la gente non ti paga per il tuo malumore.”

La Fondazione Latin Grammy cerca di fare in modo che artisti come Miguel Bosé, Calle 13, Luis Fonsi e altri che appoggiano il programma di questa scuola, narrino come hanno superato ostacoli attraverso la musica. La speranza è che, donazioni come questa di cui stiamo parlando, vengano concesse anche ad altre scuole di Panamá, come è già successo in Colombia,  República Dominicana, USA e Canada.

Alla fine della giornata, Bosé, ha offerto un concerto acustico nella cornice del Latin Grammy Acoustic Sessions Panamá 2016.
L’obiettivo della Fondazione culturale Latin Grammy è quello di incrementare il prestigio internazionale della musica latina e dei suoi creatori, consegnando borse di studio per studiare musica a livello universitario, preservando i generi musicali latini.

Fonte: Día a Día Panamá – TVN Noticias
Foto: TVN Noticias

Miguel Bosé Tribute
© 2016 Tutti i diritti riservati