AMO TOUR, RITORNO AL BIANCO E ALLE ORIGINI

Miguel Bosè, prima di ritornare in America per l’inizio dell’imminente AMO TOUR (Prima data: 8 maggio – Los Angeles), ha presentato alla Stampa spagnola e ad un esiguo fortunato numero di fans, il suo nuovo suggestivo spettacolo.

“In questo tour –dichiara l’artista- si chiude il ciclo dei Papiti, che ha avuto una formula spettacolare, più tradizionale e basata sui grandi successi. Questo show è qualcosa di molto diverso…l’entusiasmo è enorme e questo da molta forza mentale e fisica oltre che un atteggiamento guerriero.
Sono arrivato ad un punto in cui l’esigenza era quella di fare una totale rinnovazione, in generale. Ho sanato molte cose…questo è il cammino della maturità.”

La soddisfazione e l’orgoglio per il nuovo progetto discografico (AMO – Warner Music 2014) sono stati lampanti fin dall’inizio della promozione, lo scorso novembre. Bosé è tornato al suo originario percorso creativo tracciato da BANDIDO (CBS 1984) in avanti, e il nuovo tour esprime la poetica e l’evanescenza, impronte caratteristiche della sua personalità artistica, quella con cui ha mantenuto fedele e appassionato il suo pubblico più incondizionato, per quattro decenni.

“Il concetto di live di quest’anno di Miguel è spettacolare, scenografia virtuale, mondi sonori e visuali.” – anticipa Fernando Ortí, collaboratore di Bosé, nonché coautore di uno dei brani portanti del nuovo disco, “Tú mi salvación”.
Ritrovare Miguel e la Band, ritratti dalle numerose foto di MyiPop.net, realizzate durante l’evento del 28 aprile, ad Arganda nei pressi di Madrid, di bianco vestiti, riporta alla mia memoria uno dei dischi e dei tour più intimi e introspettivi della carriera di Miguel Bosé: LABERINTO.
E AMO, come LABERINTO, va a fondo e lascia il segno: il segno riconoscibile di un artista indelebile!

Cercherò di tradurre le entusiastiche parole di Merce Lopez (una dei pochi fortunati fans che grazie a Cadena Dial sono riusciti ad assistere alle prove generali di AMO TOUR ): “L’introduzione è una fusione tra la musica di “Salamandra” e quella di “Los amores divididos”. Sono 6 le canzoni di AMO che vengono eseguite, “Amo”, “Encanto”, “Libre ya de amores”, “Solo sí”, “Tú mi salvación” e “Sí se puede”.
Per quanto riguarda le “classiche”, Miguel ha precisato che possono cambiare, ma intanto ha eseguito: “Bambú”, “Bandido”, “Sevilla”, “Partisano”, “Morenamía”, “Nada Particular”, “Dame argumentos”, tutte con nuovi arrangiamenti.
Quelle invece eseguite con gli arrangiamenti originali sono: “Salamandra”, “Nena”, “Aire soy”, “Si tú no vuelves”, “Como un lobo”, “Te amaré”, “Te comeria el corazón” e “Por tí”.
Ha cantato due brani che da molti anni non esegue: “Horizonte de las estrellas” e “Que no hay”.

Probabilmente ne dimentico qualcuna…I prisma e gli schermi giganti sono in movimento su tutta la scena e proiettano immagini allucinanti: alcune della Band, altre del pubblico, altre pre-registrate, spettacolari. Le coreografie sono molto teatrali, Miguel gesticola molto e interagisce con la Band come se si trattasse di una commedia musicale. I Due schermi giganti sullo sfondo continuano a proiettare le immagini di Miguel e della Band. La Band gioca con i Prisma, a momenti sembra di assistere ad un’opera teatrale. Ci sono suoni nuovi, che non hanno niente a che vedere con i consolidati sound…come sentire la eco di una giungla, di canzone in canzone.
Le prime canzoni proposte sono state “Amo”, “Encanto”, “Libre ya de amores”, e le ultime “Te amaré” e “Por tí”.

In questo momento, l’emozione non mi fa ricordare altri dettagli….”

Quanto descritto da Merce, è sufficiente per fare immaginare e aspettare con crescente curiosità, l’appuntamento con un concerto indimenticabile nello stile unico e in costante evoluzione di Bosé.
“Voglio che il pubblico sia testimone di tutto quello che mi ha interessato nella vita, dalla mia infanzia fino ad oggi. Nello show si mostreranno elementi di aritmetica, astronomia, biologia marina, mondo animale, vegetale, letteratura e molto ancora. Tutto quello che avverrà è una bellezza, pura informatica, robotica e con una scenografia che si trasformerà durante tutta la durata del concerto.”

L’AMO TOUR 2015 inizierà l’8 maggio a Los Angeles, in California, proseguirà in Messico fino a metà giugno e approderà in Spagna il 20 giugno dove permarrà fino a settembre.

La BAND al completo:
Miguel Bosè (voce, genio e figura) – Mikel Irazoki (Il Boss – direttore artistico e basso); Helen de Quiroga (cori); Tomy Alvarez (cori); Carlos Izaga (cori); Vicent Huma (Chitarre); Tolo Pueyo (chitarre); Yuri Nogueira (batteria); Julio Tejera (tastiere).

 

Tutte le date>>

Foto by MyiPop.net

Miguel Bosé Tribute
© 2015 Tutti i diritti riservati